Via Tommaso Costa, 16 Formia (LT)

Oltre l’Igiene Orale: Odontoiatria Neurologica

Che cos’è l’odontoiatria neurologica

Insieme alla consueta igiene orale di routine, che è patrimonio comune della maggioranza degli studi odontoiatrici, esiste un concetto poco intravisto, che riguarda una molta maggior attenzione all’equilibrio delle forze occlusali che si sviluppano sia in deglutizione che in masticazione. Non mi riferisco alla lavoro di scultura dei denti che qualunque dentista opera dopo aver ricostruito in composito bianco un dente distrutto dalla carie; mi riferisco a qualcosa di molto più sottile.

È l’Odontoiatria Neurologica. Essa si sta rivelando fruttuosamente in ambito di ricerca scientifica dagli ultimi cinque anni, ma clinicamente data da molto più tempo e un antesignano è certamente il prof. Pedro Planas che già in un articolo del 1948 iniziava a concettualizzare la sua Riabilitazione Neuro Occlusale (R.N.O.). La pratica clinica con una visione di Odontoiatria Neurologica mi fa pensare che contribuisca maggiormente anche alla prevenzione della carie.

 

In base alla Riabilitazione Neuro Occlusale (sono stato presidente della Associazione Italiana Pedro Planas e socio per 15 anni) ho raffinato le visite gnatologiche, le terapie ai pazienti disfunzionali, ma anche adottato un diverso modo di fare prevenzione grazie al mio Molaggio Sensoriale Dinamico. Con tale delicatissima tecnica rimodello i denti, ottimizzando i contatti interdentali prima che il ripetersi di micro-traumi possa danneggiare in modo consistente i denti, le gengive, il parodonto, le articolazioni temporo-mandibolari.

 

Non è facile descrivere a parole il valore del metodo, perché molti pazienti non percepiscono che potrebbero avere una migliore occlusione dentale e migliori masticazione e deglutizione, e spesso anche una respirazione migliore. Iniziano a prenderne coscienza durante i test pratici di una completa visita occlusale gnatologica. E  acquisiscono completa coscienza percettiva mano a mano che raffino i contatti occlusali col mio Molaggio Sensoriale Dinamico. E’ un percorso di crescita, di evoluzione percettiva dentale.

 

La mia MISSION è diffondere, a pazienti e colleghi, il grande valore preventivo della mia visione; la quale apre a un concetto semplice, ma che deve letteralmente incarnarsi nella sensibilità di ciascuno: il nostro Sistema Nervoso è capace di percezioni assai fini, e memorizza tutto. Il mio lavoro  consiste nel rispettarle: 11 micron (il micron è la millesima parte del millimetro) è la misura oltre la quale si attivano i neuroni che portano le informazioni dai denti al cervello. Ed è il cervello che poi decide e consente (o non consente!) determinati movimenti della mandibola, della masticazione, e della deglutizione.

LA RICERCA SCIENTIFICA

Cominciano dal 2012 ad esserci interessanti ricerche scientifiche che ci dimostrano quanto sia stretto il legame tra una buona occlusione dei denti e buone funzioni cerebrali. Il Dr Vincenzo De Cicco, si occupa di neurostomatologia da 30 anni, ha effettuato ricerche che mostrano come  l’Alzheimer o la Demenza senile, malattie degenerative cerebrali, siano in stretta correlazione con asimmetrie funzionali e verticali della bocca. Nella pratica clinica il prof. Pedro Planas, pur non dandone dimostrazioni scientifica, aveva precorso i tempi. Il mio Molaggio Sensoriale Dinamico nasce sulle cognizioni della sua Riabilitazione Neuro Occlusale e la raffina: il risultato è la possibilità di una nuova prevenzione; che può donare più salute alla bocca (e ora possiamo dire anche al cervello!) oltre che alla postura mandibolare e generale.