Via Tommaso Costa, 16 Formia (LT)

Chirurgia

La Chirurgia dentale

La chirurgia dentale, cioè l’estrazione (o avulsione) di un dente, si rende indispensabile quando un dente si trova in una situazione d’infezione che non sia stato possibile eliminare con una cura canalare (o endodonzia), oppure quando il dente sia talmente distrutto dalla carie che non sia comunque possibile ricostruirlo validamente, oppure ancora quando – pur privo di carie e quindi integro – il dente sussista in bocca con una accentuata mobilità che pregiudichi la sua capacità masticatoria.

Questa così descritta è la chirurgia più frequente, ma la chirurgia orale non si esaurisce qui.

Esistono denti mal posizionati, parzialmente o totalmente inclusi nell’osso, da rimuovere perché potrebbero danneggiare strutture vicine: tipico il caso dei denti del giudizio, cioè i terzi molari, che siano inclusi nell’osso (detti “in disodontiasi” totale o parziale) e coricati con la corona verso l’avanti a contatto con le radici del secondo molare. Tale condizione può far cariare la radice del secondo molare su cui preme la corona del terzo molare e generare dolori nella zona circostante.